foto testata foto testata foto testata

DON PASTA E LA CUCINA ANARCHICA

Su laF

DON PASTA E LA CUCINA ANARCHICA

Quattro visioni, quattro modi di interpretare la convivialità, il gusto e la cultura gastronomica raccontati da laeffe per il primo viaggio tutto italiano firmato RED – Read Eat Dream. 

Alla scoperta della ricchezza e del pensiero  della cucina contemporanea con Davide Oldani, Don Pasta, Peppe Zullo e Davide Scabin.

Su laeffe la prima serie italiana firmata RED - Read Eat Dream, un viaggio per esplorare le molteplici interpretazioni della cultura gastronomica italiana, in compagnia di quattro chef e delle loro personali e diverse visioni della convivialità e del gusto. Un percorso che attraversa tutta la penisola per indagare il concetto di Cucina POP di Davide Oldani, il manifesto politico del “gastrofilosofo militante” Don Pasta, il viaggio dalla Puglia a EXPO del “cuoco contadino” Peppe Zullo, fino alla cucina futuristica, tra filosofia e scienza, di Davide Scabin.

DON PASTA E LA CUCINA ANARCHICA

PROTAGONISTI I SAPORI DEL SUD RILETTI DAL “GASTROFILOSOFO MILITANTE”

“Mi chiamo Daniele De Michele, ma tutti mi conoscono come Don Pasta”. Comincia da qui la narrazione dell’evento speciale “Don Pasta e la cucina anarchica”.

Performer, dj, economista, “gastrofilosofo militante”, Don Pasta è noto al grande pubblico per le sue strabilianti esibizioni live - in cui fonde musica e dialoghi sulla cucina - e per gli originali progetti editoriali come Food Sound System e La Parmigiana e la Rivoluzione. Con il suo progetto Artusi Remix, un viaggio antropologico attraverso l’Italia volto a recuperare le tradizioni della cucina nostrana sta conquistato la Francia e l’America. Le telecamere di laeffe lo accompagnano in un percorso tra Napoli e il centro Sud – “culla della cucina italiana”  fra una pentola di ragù napoletano e una bottega nel cuore di Scampia, a conoscere chi, con impegno, amore e a volte stoicismo, custodisce e tramanda l’enorme bagaglio culinario del nostro paese.

Personaggi affascinanti, interpreti della vox populi e paladini del sapere diffuso, lontano dalle cucine stellate e dai talent show, ma anche dalle leggi comunitarie che a volte sembrano non comprendere il valore del cibo più autentico. Don Pasta, come un moderno Pellegrino Artusi, nel tentativo di smascherare gli “assassini della cucina italiana”, incontra anarchici dei fornelli come Polverino Macellaio Clandestino e Rafilina la Regina dello Stoccafisso, cucina con La Vecchia del Vesuvio compiendo riti propiziatori tra musica e canto, e vende al mercato i prodotti coltivati dal collettivo ribelle “Genuino Clandestino” .  

Potrebbe piacerti anche
Artusi remix
live streaming banner
foto profilo
{{currentUser.name}}
L’email dove riceverai le notifiche e le newsletter a cui ti sei iscritto. La tua privacy è importante per noi.
{{videoYoutubeTitle}}
{{videoYoutubeSubtitle}}